chiama avvocato
 
0322 - 84 21 77
Chiama e richiedi un preventivo gratuito.
La consulenza telefonica è solo su appuntamento e previo pagamento anticipato.

consulenza legale online

Consulenza legale online

Dovunque tu sia, richiedici senza impegno una consulenza legale online!

Modulo di contatto

Questo articolo è stato scritto da:

stef 01

Avv. Stefania Sbressa Agneni

contatto diretto mobile :  +39 340 79 65 261

Autrice per Giuffrè Editore

Scrive per la rivista di Vercelli La Grinta

Autrice per diversi blog giuridici

Iscritta all'Albo degli Avvocati di Verbania

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

Non è stato tutelato il diritto di vedere la figlia e per questo motivo l'Italia è stata condannata dalla Corte Europea.
Pertanto l'Italia dovrà risarcire il protagonista della vicenda, in quanto non ha adottato tutte le misure necessarie al corretto svolgimento della relazione tra padre e figlia.

In particolare, l'uomo nel 2009 si separa dalla compagna che torna a vivere dai genitori con la bimba di 4 mesi. I Giudici decidono per l'affidamento esclusivo alla madre, concedendo al padre possibilità di incontri settimanali.
L'uomo fin da subito ha avuto difficoltà a vedere la propria figlia e ciò lo porta a chiedere l'affidamento condiviso.
Ma la situazione peggiora e nel 2014 il Tribunale ordina alla ex compagna di non reiterare comportamenti ostativi e poi dispone l'affidamento congiunto dopo la segnalazione di atteggiamenti ostili della figlia nei riguardi del padre.
La decisione dei giudici parla di un rischio psicologico per la piccola e nel febbraio 2017 i servizi sociali richiedono una valutazione psicologica.

Quindi la Corte considera che le autorità nazionali non abbaino fatto sforzi adeguati e sufficienti per fare rispettare il diritto di visita del padre al rispetto della sua vita familiare.

Sono stati violati i diritti di un padre che si è visto negare il suo diritto di incontrare la figlia ripetutamente contrastato dalla ex compagna.
Per la Corte i diritti della bambina devono essere sempre prevalenti.

Perciò il padre dovrà essere risarcito dallo Stato Italiano per una cifra quantificabile in oltre 23.000,00 euro.

Per informazioni, consulenze legali ed assistenza legale stragiudiziale o giudiziale potete contattarci in sede a Borgomanero in provincia di Novara (0322 842177) oppure al mobile (340 7965261) al quale siamo sempre reperibili per consulenze legali ed assistenze legali in materia di diritto di famiglia e di diritto civile.
Lo studio legale Sbressa Agneni opera su tutto il territorio nazionale potendo contare su una collaborazione seria con avvocati domiciliatari.

 

 

Articolo dello Studio Legale Sbressa Agneni

Articolo pubblicato nella sezione " News dalla Corte "

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

ASSISTENZA LEGALE

Ti serve assistenza legale su questo argomento ? Contatta subito lo Studio Legale Sbressa Agneni, compila il nostro modulo di consulenza online / telefonica.

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

Famiglia e persone

"Famiglia e Persone" UTET Giuridica

Scritto da AVV. SBRESSA AGNENI

logo paypal pagamento
  
Per il servizio di consulenza online, si accettano pagamenti tramite PayPal.
Accedi al modulo di contatto e chiedici un preventivo gratuito.