chiama avvocato
 
0322 - 84 21 77
Chiama e richiedi un preventivo gratuito.
La consulenza telefonica è solo su appuntamento e previo pagamento anticipato.

consulenza legale online

Consulenza legale online

Dovunque tu sia, richiedici senza impegno una consulenza legale online!

Modulo di contatto

Questo articolo è stato scritto da:

stef 01

Avv. Stefania Sbressa Agneni

contatto diretto mobile :  +39 340 79 65 261

Autrice per Giuffrè Editore

Scrive per la rivista di Vercelli La Grinta

Autrice per diversi blog giuridici

Iscritta all'Albo degli Avvocati di Verbania

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

Va premesso che i genitori con figli rimangono genitori nonostante la fine dell'unione matrimoniale o di convivenza e che la famiglia separata deve rimanere una famiglia.

Assistiamo tutti i giorni a vere e proprie guerre di genitori che presi da sentimenti di rabbia, vendette e non accettazione della fine della relazione vivono sulla scia del “devo fargliela pagare avvocato... non voglio che veda i figli... anzi se li scorda...”.
E così i dispetti per non far vedere i figli (di solito al padre) sono all'ordine del giorno, il parlare male e mettere in cattiva luce un genitore, il non informare l'altro genitore su tutto e sulla vita dei minori, creando in questo modo un rapporto non sano e privando i minori della figura (di solito paterna) fa male ai figli ed anche al padre che vive male senza vedere i propri figli.

Il ruolo di noi avvocati matrimonialisti, familiaristi non è solo legale ma anche sociale e pertanto di fronte a queste situazioni di tensione e conflittualità, si deve cercare di placare gli animi, proponendo soluzioni e non guerre lunghe ed estenuanti in cui a rimetterci sono sempre i figli che a causa di ciò potrebbero avere anche problemi da adulti. Il compito di noi avvocati è risolvere non alimentare i problemi con cause su cause.

L'avvocato matrimonialista non deve assolutamente incitare alla guerra per proprio interesse personale e “per guadagnarci di più” ma fare il possibile per evitare situazioni spiacevoli che minano la serenità ed il benessere dei minori che devono continuare a vivere serenamente nonostante la separazione dei genitori che devono sempre comunicare per i propri figli.

I figli devono essere lasciati fuori dalle liti tra padre e madre e vivere la propria infanzia ed adolescenza con serenità.

In tali casi il contenzioso è inevitabile e sarà il giudice a decidere in merito all'affidamento, al mantenimento ordinario e straordinario e su ogni questione di carattere morale e materiale.

Ovviamente ogni caso è a sé e deve essere ben valutato e studiato da noi avvocati. In questo articolo il riferimento è a tutti quei padri che vogliono svolgere il ruolo di padre in modo normale e non sussistono i presupposti per impedirlo e non agevolarlo.

Per informazioni, consulenze legali ed assistenza legale stragiudiziale o giudiziale potete contattarci in sede a Borgomanero in provincia di Novara (0322 842177) oppure al mobile (340 7965261) al quale siamo sempre reperibili per consulenze legali ed assistenze legali in materia di diritto di famiglia e di diritto civile.
Lo studio legale Sbressa Agneni opera su tutto il territorio nazionale potendo contare su una collaborazione seria con avvocati domiciliatari.

 

 

Articolo dello Studio Legale Sbressa Agneni

Articolo pubblicato nella sezione " Buono a sapersi "

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

ASSISTENZA LEGALE

Ti serve assistenza legale su questo argomento ? Contatta subito lo Studio Legale Sbressa Agneni, compila il nostro modulo di consulenza online / telefonica.

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

Famiglia e persone

"Famiglia e Persone" UTET Giuridica

Scritto da AVV. SBRESSA AGNENI

logo paypal pagamento
  
Per il servizio di consulenza online, si accettano pagamenti tramite PayPal.
Accedi al modulo di contatto e chiedici un preventivo gratuito.