chiama avvocato
 
0322 - 84 21 77
Chiama e richiedi un preventivo gratuito.
La consulenza telefonica è solo su appuntamento e previo pagamento anticipato.

consulenza legale online

Consulenza legale online

Dovunque tu sia, richiedici senza impegno una consulenza legale online!

Modulo di contatto

Il regime patrimoniale della famiglia, in mancanza di diversa convenzione tra i coniugi, è costituita dalla comunione dei beni.

Occorre evidenziare che la comunione legale, non è una comunione universale di tutto ciò che appartiene a ciascuno dei coniugi, in quanto alcuni beni cadono in comunione ed altri rimangono personali ovvero di pertinenza di ciascun coniuge.

Cadono in comunione:

a) gli acquisti compiuti dai due coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio ad esclusione dei beni personali. Fanno, quindi, parte della comunione, i mobili di casa, acquistati dai coniugi insieme o separatamente, l'auto, l'eventuale appartamento. I redditi personali non fanno parte della comunione;

b) le aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite dopo il matrimonio;

c) gli utili e gli incrementi di aziende gestite da entrambi i coniugi, ma appartenenti ad uno solo di essi anteriormente al matrimonio.

Sono, invece, beni personali e rimangono esclusi dalla comunione:

a) i beni di cui ciascun coniuge era titolare prima del matrimonio;

b) i beni da lui acquisiti successivamente al matrimonio per difetto di donazione o successione in suo favore, salvo che siano espressamente attribuiti alla comunione;

c) i beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge;

d) i beni che servono all'esercizio della professione del coniuge, tranne quelli destinati alla conduzione di una azienda facente parte della comunione;

e) i beni ottenuti a titolo di risarcimento del danno nonché la pensione attinente alla perdita parziale o totale della capacità lavorativa;

f) i beni acquisiti con il prezzo del trasferimento di altri beni personali o con il loro scambio, purché sia espressamente dichiarato nell'atto d'acquisto. L'amministrazione dei beni della comunione, in ottemperanza al principio di uguaglianza, spetta disgiuntamente ad entrambi i coniugi.

Gli atti compiuti da un coniuge senza il consenso dell'altro, e da questo non convalidati, sono annullabili se riguardano beni immobili o beni iscritti in pubblici registri.

I creditori della comunione, possono agire in via sussidiaria sui beni personali di ciascuno dei coniugi, nella misura della metà del credito, qualora i beni della comunione non sono sufficienti a soddisfare i debiti gravanti su di essa.

I beni della comunione rispondono:

a) di tutti i pesi ed oneri gravanti su di essi al momento dell'acquisto (ad es. acquisto di un immobile gravato da servitù o da ipoteca);

b) di tutti i carichi dell'amministrazione;

c) ogni obbligazione contratta dai coniugi, anche se separatamente, nell'interesse della famiglia e di ogni obbligazione contratta congiuntamente dai coniugi. 

 

Famiglia e persone

"Famiglia e Persone" UTET Giuridica

Scritto da AVV. SBRESSA AGNENI

logo paypal pagamento
  
Per il servizio di consulenza online, si accettano pagamenti tramite PayPal.
Accedi al modulo di contatto e chiedici un preventivo gratuito.