chiama avvocato
 
0322 - 84 21 77
Chiama e richiedi un preventivo gratuito.
icona whatsapp 340 79 65 261
La consulenza telefonica è solo su appuntamento e previo pagamento anticipato.

consulenza legale online

Consulenza legale online

Dovunque tu sia, richiedici senza impegno una consulenza legale online!

Modulo di contatto

Questo articolo è stato scritto da:

stef 01

Avv. Stefania Sbressa Agneni

contatto diretto mobile :  +39 340 79 65 261

Autrice per Giuffrè Editore

Scrive per la rivista di Vercelli La Grinta

Autrice per diversi blog giuridici

Iscritta all'Albo degli Avvocati di Verbania

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

La comunione si scioglie con la divisione, che attribuisce a ciascun condividente, in luogo del diritto di quota, un diritto esclusivo di pari valore.

Della comunione ordinaria ciascun partecipante può sempre chiedere la divisione, salvo che vi sia un vincolo di rimanere in comunione per un certo tempo.

Questo vincolo può derivare da una convenzione stipulata dai contitolari oppure, trattandosi di comunione ereditaria, può essere stato imposto dal testatore.

La legge non ammette che il vincolo possa durare oltre un certo numero di anni.

La divisione può farsi d'accordo tra le parti con un contratto di divisione.

In mancanza di accordo, viene fatta dal giudice secondo alcuni criteri fissati dalla legge.

La divisione può aver luogo in natura se la cosa può essere comodamente divisa in parti corrispondenti alle quote dei comproprietari.

Se la comunione ha per oggetto un intero patrimonio, ciascun condividente ha diritto di ottenere la sua parte in natura, con porzioni formate in modo quanto possibile omogeneo.

Ciò significa con porzioni che comprendano una quantità di mobili, immobili e crediti di eguale natura e qualità in proporzione dell'entità di ciascuna quota. Le differenze possono venire compensate con il pagamento di conguagli in denaro.

Può capitare che la comunione comprenda un bene indivisibile o il cui frazionamento determinerebbe una diminuzione di valore o altri inconvenienti.

In tale caso esso deve preferibilmente venire compreso per intero, con addebito dell'eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore.

Se nessuno dei condividenti è disposto a ciò, il bene verrà venduto e tra i condividenti verrà ripartito il ricavo.

Per informazioni, consulenze legali ed assistenza legale stragiudiziale o giudiziale in diritto civile e diritto di famiglia potete contattarci in sede a Borgomanero in provincia di Novara (0322 842177) oppure al mobile (340 7965261) al quale siamo sempre reperibili. Garantiamo sempre un valido e concreto aiuto legale con elevata competenza, professionalità e serietà.

 

 

Articolo dello Studio Legale Sbressa Agneni

Articolo pubblicato nella sezione " Buono a sapersi "

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

ASSISTENZA LEGALE

Ti serve assistenza legale su questo argomento ? Contatta subito lo Studio Legale Sbressa Agneni, compila il nostro modulo di consulenza online / telefonica.

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

 

Famiglia e persone

"Famiglia e Persone" UTET Giuridica

Scritto da AVV. SBRESSA AGNENI

logo paypal pagamento
  
Per il servizio di consulenza online, si accettano pagamenti tramite PayPal.
Accedi al modulo di contatto e chiedici un preventivo gratuito.